fbpx

Le nuove forme di sviluppo del Progetto Italia-Russia e Mosca-Taranto

di redazione | Ficcanaso
Condividi su

La Dante di Mosca comunica che mercoledì 18 novembre è tenuta presso la Scuola 1409 la Conferenza sul tema “Le nuove forme di sviluppo del Progetto Italia-Russia Mosca-Taranto”, organizzata dalla direttrice della scuola Irina Viktorovna Ilyicheva.

Lo scopo della conferenza è stata la discussione dello sviluppo dei progetti e dei programmi previsti per l’anno scolastico in corso – 2020-2021.

Alla Conferenza hanno partecipato: il Dirigente dell’Ufficio Istruzione presso il Consolato Generale d’Italia a Mosca, Capo del Programma PRIA – Giuseppe Lo Porto, i direttori delle scuole del distretto Mosca Nord, capo dell’organizzazione sindacale territoriale dei lavoratori dell’istruzione pubblica e della scienza del distretto amministrativo settentrionale di Mosca, i direttori delle scuole italiane, i rappresentanti del Ministero d’Istruzione d’Italia (regione Puglia), le associazioni italiane, i comitati della Società Dante Alighieri di Taranto e di Mosca.

Durante la conferenza sono stati discussi i seguenti argomenti:

  1. Possibilità di preparare brevi videomateriali che potrebbero essere utilizzati nel corso del processo educativo durante le lezioni della lingua italiana nelle scuole di Mosca. Si tratta di brevi presentazioni delle città e delle regioni italiane con le quali il nostro Progetto collabora da tempo. Le scuole di Mosca, a loro volta, prepareranno un video su Mosca e le città russe. Dopo la sperimentazione nelle scuole del nostro Progetto, questo materiale potrà essere offerto per l’uso in altre scuole russe come parte dello scambio di esperienze nell’insegnamento dell’italiano.
  2. Abbiamo discusso la continuazione del Progetto SADKO, che è stato avviato da parte italiana e ha ricevuto il sostegno al livello regionale (regione Puglia) ed al livello del Ministero dell’Istruzione italiano. Il Progetto sara’ avviato in dicembre. Lo scopo del Progetto è quello di favorire allo studio della lingua e cultura russa in Italia e della lingua e cultura italiana in Russia.
  3. Abbiamo discusso la partecipazione delle scuole russe al Festival Internazionale “Ragazzi in Gamba”. La partecipazione dovrebbe essere fatta in format a distanza ancora. Saranno organizzati anche video incontri su questo tema.
  4. Abbiamo discusso la continuazione dello sviluppo del nostro Progetto relativo all’attuazione dei progetti nel campo della musica e dell’arte.
  5. Abbiamo discusso della partecipazione delle scuole a vari eventi dedicati alla celebrazione del 700 ° anniversario dalla morte del grande poeta italiano Dante Alighieri. A questo proposito, abbiamo prestato particolare attenzione alla collaborazione con le società Dante Alighieri di Mosca, Roma e Taranto.
  6. Abbiamo discusso lo sviluppo di un nuovo portale del Programma PRIA – il Programma per la diffusione della lingua italiana presso il Consolato Generale d’Italia a Mosca e delle possibili modalità di cooperazione in questa direzione.
  7. Si è anche notato che il nostro Progetto è in costante sviluppo, aprendo le nuove aree e direzioni di attività. Il recente convegno, che si è tenuto il 23 settembre presso il Centro di Mosca per lo Sviluppo delle Risorse Umane nell’Educazione sul tema: “Ampliare la scelta delle lingue straniere per studiare dai ragazzi russi a base dell’esempio della lingua italiana”, ha mostrato quanto sia importante l’esperienza del nostro Progetto e la nostra cooperazione a lungo termine. Nel prossimo futuro si terranno una serie di incontri con le diverse scuole della Russia per trasferire la nostra esperienza accumulata nel campo dell’insegnamento della lingua e della cultura italiana. Uno dei primi sarà mostrato un progetto dedicato alla celebrazione del 75 ° anniversario della vittoria nella Seconda Guerra mondiale.
  8. Si è notato quanto sia importante l’esperienza maturata dal nostro Progetto in 20 anni di esistenza. C’erano progetti elencati, corsi di perfezionamento che sono stati implementati sia in Russia che in Italia. Tutti questi progetti possono essere proseguiti online.
  9. Abbiamo chiesto di mandare tutte le proposte e le idee per l’attuazione dei progetti annunciati e pianificati al centro di coordinamento del progetto.

Ringraziamenti sono stati espressi per il sostegno dell’Ambasciata e del Consolato d’Italia a Mosca, oltre, ovviamente, un’enorme gratitudine a tutti i nostri partner italiani nel Progetto Mosca-Taranto Italia-Russia. Nonostante le difficoltà del momento, il Progetto vivrà e si svilupperà e condividerà volentieri con tutti la sua esperienza accumulata in tanti anni. Il legame tra i partecipanti al progetto è molto forte, come dimostra il simbolo del Progetto – questo è il ponte di Taranto che collega la Cattedrale di San Basilio (Simbolo di Mosca) e il Castello Aragonese (Simbolo di Taranto), il simbolo del Progetto.

 

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciannove − otto =