fbpx

Il “Concerto per Dante” di Riccardo Muti al Quirinale

di redazione | #LItaliadiDante, Chiose
Condividi su

Lo scorso 5 settembre, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha presenziato all’avvio dell’anno del settimo centenario dantesco a Ravenna. In quell’occasione il Sindaco Michele De Pascale ha ricordato Dante come “il più grande poeta che la cultura occidentale abbia saputo esprimere, il padre della lingua italiana”. Ricordando la sua caratura di teologo, storico, filosofo e politico, De Pascale ha richiamato anche l’uomo e la sua sofferenza nel cammino dell’esilio. Un cammino che, grazie al poema sacro, è diventato un “cammino verso la salvezza”, lui un simbolo che attraversa 7 secoli.

Dopo l’evento inaugurale ravennate, all’insegna della grande musica e della poesia con l’appassionata lettura del 33° canto del Paradiso da parte di Elio Germano, una nuova occasione sarà quella di sabato 3 ottobre quando, alle  18.45 (in diretta su Rai Uno) nel Cortile d’onore del Quirinale il Presidente Mattarella assisterà al “Concerto per Dante”, con le alte cariche dello Stato. Il Concerto, tenuto dall’Orchestra giovanile “Luigi Cherubini” e dal Coro dell’Accademia di Santa Cecilia, sarà diretto dal Maestro Riccardo Muti.

In coerenza con il messaggio universale di Dante, le musiche spazieranno attraverso i grandi nomi della musica europea, non solo italiana, con Franz Joseph Haydn (1732-1809) e il Te Deum in do maggiore per coro e orchestra, Hob:XXIIIc:2. A seguire, Wolfgang Amadeus Mozart (1756-1791) e il suo Ave verum corpus, mottetto in re maggiore per coro, archi e organo, K 618, e un grandissimo italiano, Giuseppe Verdi (1813-1901), con le sue Laudi alla Vergine Maria, per coro femminile a quattro voci, e l’aria Ave Maria dall’Otello. Soprano solista: Rosa Feola. Le conclusioni, con le musiche di Franz Liszt (1811-1886), Les Préludes, S 97 poema sinfonico n. 3 da Alphonse de Lamartine.

Fonte: Quirinale.it

Condividi su

Commenti: “Il “Concerto per Dante” di Riccardo Muti al Quirinale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sei − due =