fbpx

FRUTTERO E LUCENTINI: BASTA IL NOME!

Pezzi d'Italia

Date evento

03 Ottobre 2020 - 03 Ottobre 2020

Comitato

Bienna (Svizzera)

Indirizzo

Rue Centrale 124, Bienna, Svizzera

FRUTTERO E LUCENTINI: BASTA IL NOME!
Condividi su

Il Comitato di Vienna invita alla Conferenza di letteratura con immagini SABATO 3 OTTOBRE 2020, ore 17.00
PROF. DOMENICO SCARPA, PISA
“FRUTTERO E LUCENTINI: BASTA IL NOME!”
Bienna, settembre 2020
Locale: Sede, Rue Centrale 125, Bienna
Ingresso: colletta
ATTENZIONE: ISCRIZIONE* E MASCHERINA OBBLIGATORIE!
*********
DOMENICO SCARPA è consulente letterario del Centro internazionale di studi Primo Levi di Torino. Da vent’anni cura per Einaudi le opere di Natalia Ginzburg, mentre nel 2012 ha curato il III volume dell’Atlante della letteratura italiana Einaudi. Ha insegnato o svolto ricerca in diverse università in Italia e all’estero. È autore di monografie su Italo Calvino, Natalia Ginzburg e Franco Lucentini e della raccolta di saggi Storie avventurose di libri necessari (Gaffi 2010). Scrive per «Il Sole 24 Ore».
Il prof. Scarpa sarà nostro graditissimo ospite per la terza volta; dopo averci parlato di “Occhi, lingua, nomi: Dante in Primo Levi” (2017) e de “La famiglia Ginzburg Leone e Natalia” (2018), ci presenterà la coppia di scrittori fra i più famosi del Novecento.
Sul tema della conferenza, ci scrive: “Nell’autunno del 2019 sono usciti a mia cura due volumi dei «Meridiani» Mondadori dedicati alle Opere di bottega di Fruttero & Lucentini: due volumi dedicati interamente al primo e ineguagliato logo della letteratura italiana, un doppio nome in ditta che fa un tutt’uno per quei due artigiani, per quei due soci, per quei due complici in grande scrittura. Per lanciare i due volumi si potrebbe coniare uno slogan: «Fruttero & Lucentini, basta il nome», perché chiunque li senta nominare li associa al suspense, all’eleganza, al divertimento più scatenato.
Inalberando con orgoglio la & commerciale, per oltre quarant’anni la bottega letteraria F. & L. ha centrato un obiettivo più unico che raro: è riuscita a far sì che i romanzi più ambiziosi e complessi del loro tempo risultassero anche i più memorabili e i più godibili, i più divorabili e i più divertenti. E perciò, lo slogan si potrebbe declinare anche in un’altra maniera, vale a dire: «Fruttero & Lucentini, bastano i titoli»; basta dire La donna della domenica, A che punto è la notte, Il Palio delle contrade morte, L’amante senza fissa dimora, Enigma in luogo di mare, per non parlare della sublime tetralogia dedicata al Cretino.”
Si ringrazia la Città di Bienna per il suo gradito sostegno.
*L’iscrizione deve arrivare alla Dante entro venerdì 2 ottobre 2020

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

17 − 13 =