Arte e Spiritualità: l’anima degli elementi

Pezzi d'Italia

Date evento

14 Gennaio 2020 - 28 Gennaio 2020

Comitato

Reggio Emilia (Italia)

Indirizzo

Reggio Emilia, RE, Italia

Arte e Spiritualità: l’anima degli elementi
Condividi su

Gli interventi del prof. Bolondi sono inseriti nel nostro programma culturale alle date 14,  21,  28  gennaio presso il Liceo Classico Scientifico Ariosto Spallanzani,  P.zza Pignedoli 2  Reggio Emilia.

Il percorso di questi tre incontri si snoderà tra gli intrecci dell’interdisciplinarietà: dall’arte alla filosofia, dalla mitologia alla musica e al cinema. Gli elementi costituiscono la radice da cui l’uomo ha iniziato il suo percorso di conoscenza terrena. Di generazione in generazione ha costruito il proprio sapere a contatto con l’acqua, il fuoco, la terra e l’aria raggiungendo livelli straordinari che hanno portato l’umanità alla scoperta delle tecnologie e dell’espressione creativa.

 

  1. Il fuoco: calore, luce, mito, arte. Rinascita e mistero. Calore, luce e tante scintille che si spargono qua e là da un falò acceso: questi sono gli aspetti immediati che si colgono guardando il fuoco che brucia. L’uno tranquillizza e l’altro fa sognare il futuro nel suo fuggire lontano. In origine il fuoco era addirittura proprietà degli dei e ne rappresentava la loro grande ricchezza. Il fuoco è anche il Sole che, adorato come un dio per il suo calore che irradia sulla terra, è essenziale e benefico per la vita umana. Altre volte il fuoco divampa e distrugge ogni cosa ma dalla morte viene la vita della Resurrezione. Nel linguaggio corrente il fuoco è anche sinonimo d’amore ardente, di passione che brucia il cuore di desiderio e di conoscenza che infiamma la mente. Attraverso le tecnologie e i mestieri il fuoco è stato addomesticato per scaldare il corpo durate le intemperie fino a diventare lo strumento per forgiare i metalli e realizzare utensili prima ed armi poi per la propria sussistenza.

George Bernard Shaw affermava che la vita è una fiamma che via via si consuma, ma che riprende fuoco ogni volta che nasce un bambino.

 

  1. L’acqua: sostanza antica, simbolo, linguaggio e metafora. L’incontro che ha per tema l’acqua ci trasporta lungo il corso di un fiume immaginario, il fiume della vita, attraverso il sentimento e il vincolo che questo elemento instaura con l’uomo. Sin dall’antichità la rappresentazione dell’acqua ha accompagnato una ricchissima produzione artistica intrecciandosi a doppio filo con l’emozione della sua fruizione. Incontriamo Caravaggio, Segantini, Bill Viola e tanti altri artisti che ci hanno raccontato l’anima dell’acqua manifestandosi non solo come un percorso effimero, ma come innata tensione e spirito primo. Il simbolismo legato all’acqua è influenzato dai miti e dalle leggende del mondo pagano, ma anche dalla forte valenza culturale introdotta dal cristianesimo, in un sincretismo che attraverserà tutte le epoche storiche fino a giungere ai nostri giorni.
    L’Acqua come creazione, come elemento primordiale all’origine del mondo, come sorgente di vita e simbolo del dualismo di Bene e Male.

 

  1. L’aria: natura e spiritualità. Potenza e leggerezza. L’aria è l’elemento più alto del pensiero collegato all’elaborazione ed all’intelligenza creatrice, all’idea di spazio intangibile che avvolge e permea l’intero Universo, l’invisibile che respiriamo. E’ l’energia vitale senza la quale non ci sarebbe la vita. L’aria è il respiro vitale, il respiro cosmico, simbolo sensibile della vita invisibile. La sua sede è il mondo sottile intermedio tra il cielo e la terra, cioè il punto di contatto tra la spiritualità e la materia. Si parla di vento di passioni, di sussurri d’amore trasportati dall’aria e di eco che propaga le parole nel vento. L’aria è uno dei più affascinanti elementi per la propria caratteristica di non avere forme e consistenza, non si vede ma si percepisce e si assimila alla metafora della purificazione propria dell’acqua e del fuoco incontrandoli e mescolandosi ad essi.

L’aria, di complessa rappresentazione, porta artisti come Turner ad elaborare una tecnica pittorica che ne manifesti l’essenza attraverso l’utilizzo di pennellate pastore avvolte di luce. Filosofia, pittura, scultura, musica, letteratura e cinema sono “scompigliate” dal soffio potente di Eolo geloso custode dei venti che generosamente indicherà ad Ulisse la via del ritorno verso Itaca.

 

Condividi su

Leggi articolo precedente

Leggi articolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due × cinque =