fbpx

I grandi poeti del 900: Giuseppe Pontiggia

Pezzi d'Italia

Data evento

03 Ottobre 2019 / Orario: 18:00

Comitato

Bergamo (Italia)

Indirizzo

Centro culturale delle Grazie bergamo

I grandi poeti del 900: Giuseppe Pontiggia
Condividi su

Giuseppe Pontiggia è stato scrittore, saggista, cultore di aforismi, maestro di lettura e di scrittura, punto di riferimento letterario per molti, spirito illuminato, cartesiano pungente ma anche compassionevole, scrittore engagé che una volta al mese dalle colonne del Sole 24Ore disvelava ai lettori i meccanismi della lingua, i segreti della parola e del potere, l’odierno degrado linguistico. Nato a Como nel 1934, redattore del Verri dal 1956, Pontiggia pubblica nel 1959 La morte in banca, con altri cinque racconti. Dieci anni dopo il suo libro più sperimentale L’arte della fuga. Si impone all’attenzione dei lettori più avvertiti con i romanzi Il giocatore invisibile (1978) e Il raggio d’ombra (1983). Ottiene il riconoscimento del grande pubblico vincendo il Premio Strega nel 1989 con La grande sera, a cui seguirà Vite di uomini non illustri (1993, premio SuperFlaiano) e il suo ultimo Nati due volte (2000, premio Campiello e Pen Club).

Persona umanissima, attenta agli altri, capace di annodare vincoli di amicizia profondi, Pontiggia ha amato Bergamo dove ha svolto il servizio militare alla caserma Montelungo. È stato l’ideatore del Premio Nazionale di Narrativa Bergamo, nato nel 1985 e che egli seguì fino alla sua morte, avvenuta nel 2003.

Mimma Forlani, che lo ha conosciuto durante i suoi dodici anni di conduzione del Premio, terrà una conversazione su “Peppo” per il Comitato il 3 ottobre alle ore 18.00 presso la Sala delle Carte del Centro culturale delle Grazie; ne traccerà il profilo biografico e artistico lasciando spazio alle immagini raccolte in un video dal titolo Provvisorio di Riccardo Rovescalli (2003) e alle sue parole che saranno interpretate da Aide Bosio e Diego Bonifaccio.

Condividi su

Leggi articolo precedente

Leggi articolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno × tre =