La storia del libro è la storia d’Italia: i 150 anni di AIE

di Valeria Noli | Ficcanaso
Condividi su

«La storia del libro e la storia dell’Italia sono state la stessa cosa». Con queste parole Ricardo Franco Levi – presidente di di AIE, Associazione Italiana Editori,  annuncia la cerimonia per i 150 anni dell’Associazione. Alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, la cerimonia si terrà su invito mercoledì 11 settembre (dalle 11) presso ’Auditorium Parco della Musica di Roma.

Nata nel 1869 come associazione di categoria del settore librario tra personalità di spicco dell’editoria del tempo, tra cui Giuseppe Pomba, Emilio Treves, Felice Le Monnier e Ermanno Loescher, AIE ha attraversato la storia dell’Italia Unita, cresciuta con e grazie ai libri. Strumento di lotta all’analfabetismo e pietra angolare della scuola dell’obbligo, il libro è un simbolo della nazione italiana, nonché materia di base dell’industria editoriale, uno dei traini della nostra crescita.

La cerimonia si aprirà alle 11 con il video a cura di Rai Cultura “150 anni di libri. 150 anni di storia d’Italia”, sarà coordinata da Paolo Mieli, e introdotta dal presidente Ricardo Franco Levi (Essere editore: libertà e speranza). Seguiranno gli interventi di Gian Arturo Ferrari (I primi 150 anni), della senatrice a vita Elena Cattaneo (L’avventura della conoscenza) e di Alessandro Baricco (I prossimi 150 anni).

L’emissione di una carta di valore postale è stata decretata dal Ministero dello Sviluppo Economico per onorare i 150 anni di attività dell’Associazione. L’11 settembre sarà presentato al pubblico il francobollo celebrativo.

Editoria in Italia, rapporto 2018

Il mercato del libro mostra, in base ai dati del report annuale di AIE, un andamento nel complesso positivo. +2,8% e 2,7 miliardi di euro (senza Amazon) di fatturato a copertina raggiungono i  3,1 miliardi di euro considerando anche le stime su Amazon, il secondo mercato dei libri usati e i diritti). Il settore è in crescita dal 2015, “almeno nei valori economici, anche se non ancora nelle copie” con risultati che non compensano però ancora “le perdite di fatturato, e ancor meno quelle di copie avvenute tra 2010 e 2014”. Sono intanto almeno 11 milioni i download stimati di ebook.

Dal Rapporto sullo stato dell’editoria in Italia 2018

***

Fondata il 17 ottobre 1869, AIE è la più antica associazione di categoria italiana, socia fondatrice nel 1910 di Confindustria. Riunisce gli editori italiani – e quelli stranieri attivi in Italia – di libri, riviste scientifiche, prodotti e contenuti dell’editoria digitale. Sul piano internazionale, nel 1896, a Parigi, ha partecipato alla fondazione dell’International Publishers Association (IPA) e nel 1967 della Federation of European Publishers (FEP).

 

Condividi su

Leggi articolo precedente

Leggi articolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 × 5 =