fbpx

Tirana in libri: incontriamola a Mantova

di Andrea Ciarlariello | Ficcanaso
Condividi su

Di un programma così vasto non si può parlare che a pezzetti, ognuno dei quali compone la grande immagine del Festivaletteratura di Mantova: il cartellone di iniziative è stato svelato un mese fa ma oggi, a una settimana dall’inizio di questa 23° edizione che animerà Mantova dal 4 all’8 settembre, andiamo a dare un’occhiata da vicino.

Nelle scorse edizioni la rassegna “città in libri” ha presentato ai partecipanti Praga (Repubblica Ceca), San Pietroburgo (Russia), Alessandria d’Egitto e Buenos Aires (Argentina); l’edizione 2019 avrà come protagonista Tirana, capitale dell’Albania. La città, che conta quasi mezzo milione di abitanti, sarà raccontata attraverso la grande letteratura degli autori albanesi come Ismail Kadare (anche autore di “Dante, l’inevitabile”), Dritëro Agolli, Ornela Vorpsi e Elvira Dones e italiani come  Manlio Cancogni, Gian Carlo Fusco, Indro Montanelli e Mario Rigoni Stern.

In una grande biblioteca di oltre 200 volumi, grazie alle presentazioni dedicate (quelle degli autori Fatos Kongoli e Virgjil Muçi) e all’opera del curatore, Luca Scarlini (autore, tra le altre cose, nel 2008 di “D’Annunzio a Little Italy” per i tipi di Donzelli), sarà possibile ricostruire le tracce letterarie di una storia recente complessa e cruciale per l’Europa e del profondo rapporto che lega, sulle due sponde del mar Adriatico, Italia e Albania.

I partecipanti saranno condotti in questo percorso di “esplorazione letteraria” da guide d’eccezione: giovani studiosi di albanologia presenteranno il complesso dei volumi e delle opere in catalogo.

A completare il programma lo spettacolo jazz di Elina Duli e la lezione dell’architetto Elisabetta Terragni – figlia del celebre architetto razionalista italiano, Giuseppe, che aveva firmato il progetto del Danteum, mai realizzato – curatrice a Tirana dei progetti Casa delle foglie e della Casa museo Kadarè.

[foto di Piazza Skandemberg in CC di Marco Fieber]

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

17 − 8 =