L’Ambasciata Italiana a Doha e la Dante celebrano i 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci

di Valerio De Luca | Chiose
Condividi su

La Società Dante Alighieri e la Qatar National Library, in collaborazione con l’Ambasciata d’Italia a Doha, hanno presentato giovedì 2 maggio, nello spazio eventi della Biblioteca Nazionale di Doha, la lectio magistralis del prof. Carmelo Occhipinti* dal titolo “Leonardo da Vinci visto dai suoi contemporanei. Alcune osservazioni sul sorriso di Monna Lisa e di altri suoi ritratti femminili”.

Sono molto soddisfatto che la Società Dante Alighieri sia già operativa a Doha a poche settimane dalla costituzione di un comitato locale per la promozione della lingua e della cultura italiana, annunciato durante la visita in Qatar del Presidente del Consiglio Conte il 3 aprile scorso. – commenta l’Ambasciatore Pasquale Salzano Questo primo significativo evento, organizzato in collaborazione con l’Ambasciata nell’ambito delle iniziative promosse dal Governo italiano per la celebrazione della ricorrenza dei 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci, dimostra l’impegno del Sistema Italia nel promuovere con efficacia in Qatar la cultura e le eccellenze del nostro Paese.

La conferenza, inserita nella programmazione ufficiale del Comitato Nazionale per la celebrazione dei 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci del MIBAC e in quella di Vivere all’italiana del MAECI, ha ripercorso la vicenda iniziale di alcuni dei più celebri capolavori del maestro, “rileggendo le reazioni di chi vi si trovò di fronte al tempo in cui l’artista era ancora operoso a Milano sotto Ludovico il Moro, quindi nella Firenze repubblicana, infine presso la corte di Parigi, dove Leonardo morì nel 1519.”.
La conferenza è la prima azione promossa dal Comitato della “Dante Alighieri” a Doha, aperto poche settimane fa alla presenza del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, e inaugura la collaborazione tra Società Dante Alighieri e la Qatar National Library che hanno siglato un protocollo di intesa per iniziative congiunte nell’ambito della cooperazione scientifica, tecnica e culturale.

*Il prof. Occhipinti, storico dell’arte e critico, è professore associato di Museologia e critica artistica e del restauro presso l’Università degli studi di Roma Tor Vergata.

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciotto − 6 =