Gradara, Francesca da Rimini all’Opera

di Valerio De Luca | Ficcanaso
Condividi su

Giovedì 23 agosto (ore 20.45) nella Rocca di Gradara un’imperdibile videoproiezione (ad ingresso gratuito) che avrà come protagonista il personaggio dantesco di Francesca da Rimini, con la tragedia in quattro atti di Gabriele D’Annunzio, ridotta da Tito Ricordi, per la musica di Riccardo Zandonai.

La videoproiezione è la riproposizione dell’opera lirica in scena nel 1984 al Metropolitan Opera House di New York con Renata Scotto e Placido Domingo, diretta da James Levine – Edizione Deutsche Grammophon

La riproposizione dell’opera lirica Francesca da Rimini in scena per la prima volta il 19 febbraio 1914 al Teatro Regio di Torino, è un omaggio allo straordinario musicista Riccardo Zandonai [Sacco di Rovereto 1883- Trebbiantico di Pesaro 1944).

L’opera fu composta in dodici mesi dal ventiquattrenne compositore trentine sul libretto che Tito Ricordi aveva tratto dalla tragedia di D’Annunzio, tra Pesaro, ove seguiva i corsi del conservatorio di cui diverrà direttore, e Sacco.

Dal 1914 al 2018, è stata messa in scena più di trecento volte in ventitré paesi stranieri.

‘Storica’ è la rappresentazione del 1984 al Metropolitan Opera di NewYork che le GIORNATE INTERNAZIONALI FRANCESCA DA RIMINI 2018 proietteranno il 23 di agosto nel magico fondale della Rocca di Gradara.

Ridotta nella durata, da 2 ore e 43 minuti a 50 minuti per assecondare la fruizione del grande pubblico, non perderà comunque il fascino di uno spettacolo che ancora, dopo più di un secolo, sa affascinare, rlflettere e commuovere.

L’evento è patrocinato dalla Società Dante Alighieri.

Ingresso libero – posti limitati (si consiglia la prenotazione)

Per informazioni e prenotazioni:

Gradara Innova | info@gradarainnova.it | +39 0541 964673 | +39 331 1520659

www.francescadarimini.it | info@francescadarimini.it |

rocca di Gradara, foto G. Badioli
rocca di Gradara, foto G. Badioli
Condividi su

Leggi articolo precedente

Leggi articolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciotto + due =