La “Commedia” di Dante: una eredità per gli uomini e le donne del III millennio

di Valerio De Luca | Ficcanaso
Condividi su

A Pietrapertosa (PZ) e Stigliano (MT) una serie di iniziative dantesche del Centro Studi Rocco Montano nei giorni 8-9-11 agosto 2018.

Si apre l’8 agosto a Stigliano (Matera) un programma di inziative dantesche organizzato dal Centro Studi Rocco Montano. Al primo incontro (che sarà replicato a Pietrapertosa il 9 agosto) partecipano il filosofo-teologo tedesco Markus Krienke (“Il Dante di Romano Guardini e Rocco Montano”) e Filippo La Porta, autore per Bompiani del recentissimo “Il bene e gli altri. Dante ed una etica per il nuovo millennio”.
Il pomeriggio dell’11 agosto, a Stigliano, sarà ricordato, invece, Domenico Pantone, giovanissimo filologo dantesco di grandi promesse, scomparso nel maggio 2017 a soli 31 anni.

Domenico Pantone
Domenico Pantone

A parlare di Domenico alla gente del suo lucano paese di origine sarà il suo maestro Alfredo Cottignoli dell’università di Bologna attraverso una video-intervista raccolta il 17 giugno scorso da Sebastiano Villani. Nel corso della manifestazione saranno anche riproposti ampi stralci di una straordinaria lezione tenuta da Pantone, nel 2012, ai soci della Dante Alighieri della Repubblica di San Marino, su Giovanni da Serravalle, allievo del maggiore commentatore trecentesco della “Commedia”. A partire dal 2013, con la sua tesi di dottorato su Benvenuto da Imola (“Oralità e pedagogia nel «Comentum» dantesco di Benvenuto”), Domenico Pantone, nel giro di pochi anni, si era fatto conoscere e stimare dal mondo accademico, grazie anche alla proficua frequentazione, durante un suo soggiorno di studio del 2011 all’Università di Cambridge, di Zygmunt Baranski.
Numerosi i suoi interventi, anche congressuali, da lui editi su diverse riviste (dagli «Studi e problemi di critica testuale» a «L’Alighieri», dal «Carrobbio» al «Bollettino dantesco per il settimo centenario»).
Per chi volesse apprezzarne direttamente l’acuta intelligenza e la precoce maturità critica rinviamo al suo primo, e purtroppo ultimo, volume “Benvenuto da Imola dantista in progress. Un’analisi genetica del Comentum”, Milano, led, Edizioni Universitarie di Lettere Economia Diritto, 2014). Un libro significativamente dedicato da Pantone alla cara memoria della madre, maestra elementare, dalla cui voce aveva per la prima volta ascoltato alcune tra le più celebri terzine dantesche.
Il ciclo di incontri, patrocinato dalla sede centrale della Società Dante Alighieri e dai comuni di Stigliano e Pietrapertosa, è sostenuto anche dalla Società Filosofica Italiana (sez. di Matera), A.N.S.P.I. e Angolo della Memoria di Stigliano.

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciannove − 7 =