I libri della settimana: Attanasio, Tagnolini, Nilson

di Valerio De Luca | Libri
Condividi su

Anche questa settimana consigliamo una nostra selezione tra narrativa e saggistica di autori italiani.

La ragazza di Marsiglia10_attanasio

di Maria Attanasio
Sellerio
400 pagine, 15 euro

Chi sfogliasse L’album dei Mille, galleria fotografica degli eroi dell’impresa garibaldina, al n. 338 troverebbe la foto di Rosalia Montmasson, l’unica donna che s’imbarcò alla volta della Sicilia. Chi era quest’oscurata protagonista del Risorgimento? Una ragazza che incontra e si innamora di un giovane rivoluzionario pieno di sé, e per amore lo segue in tutte le avventure fino a quando lui l’abbandona? Oppure un’intransigente repubblicana che si lega a un patriota, che alla fine ne tradisce gli ideali?
Per vent’anni Rosalia Montmasson fu moglie di Francesco Crispi, che seguì in tutti gli esili, condividendone azione e utopia, senza paura e senza riserve, facendosi cospiratrice e patriota al servizio della causa mazziniana. Si erano incontrati a Marsiglia: lui esule in fuga dalla Sicilia borbonica, lei lavandaia stiratrice che si era lasciata alle spalle l’asfittico paesino d’origine dell’Alta Savoia. Diventata mazziniana anche lei, entrò a poco a poco nella vita di riunioni e di azioni clandestine di lui, perfino le più rischiose e forse terroristiche, giungendo ad assumere un proprio ruolo, stimato anche da Mazzini.
Poi l’impresa garibaldina, l’Unità, e la svolta monarchica di Crispi. Le divergenze e i contrasti tra Francesco e Rosalia si accentuarono, ormai la ragazza di Marsiglia è solo un impiccio sentimentale e politico per lui, che nel 1878 – divenuto potente ministro – riuscì con cavilli formali e l’avallo di una compiacente magistratura a farsi annullare il matrimonio. Da quel momento, Rosalia Montmasson fu fatta sparire dalla vita di Crispi, dai libri, e dalla memoria collettiva, una totale rimozione dalla storia risorgimentale che si è protratta fino a oggi.

Maria Attanasio (Caltagirone, 1943) collabora a riviste e giornali. Ha scritto poesie (Interni, 1979; Nero barocco nero, 1985; Eros e mente, 1996; Amnesia del movimento delle nuvole, 2003) e saggi. Con questa casa editrice ha pubblicato Correva l’anno 1698 e nella città avvenne il fatto memorabile (1994), Piccole cronache di un secolo (1997, con Domenico Amoroso), Di Concetta e le sue donne (1999) Il falsario di Caltagirone (2007), Il condominio di Via della Notte (2013) e La ragazza di Marsiglia (2018).

Narrativa per ragazzi10_tagnolini

Il Giardino dei Musi Eterni
di Bruno Tagnolini
Salani
13,90 euro, 272 pagine

Ginger, una splendida gatta Maine coon, si è appena risvegliata nel Giardino dei Musi Eterni, un tranquillo e fiorito cimitero per animali. Anche lei adesso è un Àniman, uno spirito che fa parte dell’anima del mondo, invisibile agli occhi umani. E la vita coi suoi nuovi amici Àniman – il pastore maremmano Orson, il cane poliziotto Ted, la dolce porcellina d’India Trilly, la sacra tartaruga Mama Kurma e decine d’altri – trascorre felice, fra tuffi nella pioggia per diventare immense nuvole animali, corse nel vento in cui si scambiano la pelle, canti notturni con le rane del canale, e visite di un’umana un po’ speciale, la loro amata Nonnina. Ma oscure minacce incombono: le misteriose sparizioni dei fratelli, le lugubri ricerche dell’ambiguo Custode, alcuni strani peluche dei bambini in visita, che hanno sguardi quasi vivi, inquietanti…
In questo romanzo mai come prima Bruno Tognolini – due volte premio Andersen – ha raccolto e fuso mirabilmente i temi che più gli sono cari con la creazione di un mondo perfetto di felicità e innocenza in una storia dal ritmo cinematografico e con un sapiente uso di una lingua piena di invenzioni e di poesia. Un grande messaggio ecologico, e soprattutto spirituale, sulla natura del mondo: non annoiarsi mai di essere se stessi.

L’uomo del sale10_nilson

di Maria Spissu Nilson
Createspace
14 euro, 262 pagine

Vita di un venditore di sale in Sardegna nel primo Novecento. Venduto da una prostituta ancora bambino, viene comprato dal proprietario delle saline che ne farà giocattolo e schiavo. Cresce solitario e disprezzato tra il mare e le strade dei paesi dove si reca per commerciare il prodotto. Girovago, senza affetti e punti di riferimento, ha come amici un cavallo e una veggente che lo inizia alla vita; donna che gli predice fatti che si realizzeranno. Conoscerà la passione e ne verrà tragicamente travolto. Sullo sfondo paesi di una Sardegna inusuale, donne e uomini – il sale della terra – che lottano con i sentimenti e le avversità, figure non secondarie che vivono in un’altra epoca ma con coraggio sempre attuale nelle prove dell’esistenza. E una guerra metafora di tutte le guerre.

Maria Spissu Nilson ha compiuto studi umanistici in Italia. Insegnante di Lingua Inglese ha conseguito un M.A. Ed. nel Regno Unito. Ha pubblicato i suoi primi racconti nell’adolescenza in settimanali della Mondadori e Rizzoli. Per alcuni anni ha collaborato col maggiore quotidiano della Sardegna, l’Unione Sarda, nella pagina culturale con recensioni d’arte contemporanea. Con la Casa Editrice Curcio ha pubblicato il libro “L’uomo sulla sabbia nera”. Artista visuale ha esposto, oltre che in Italia, negli Stati Uniti, Francia, Spagna, Gran Bretagna, Grecia, Argentina. Vive in Sardegna.

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

15 − uno =