La Dante al Salone del Libro di Torino: un giorno tutto questo…

di Valeria Noli | Ficcanaso
Condividi su

Giovedì 10 maggio, ore 11: il Segretario Generale della Dante, Alessandro Masi, sarà al Salone del Libro di Torino (Spazio Autori) per presentare il suo saggio Idealismo e opportunismo della cultura italiana. 1943 – 1948 (Mursia, 2018) intervistato dal presidente della Società Dante Alighieri – Comitato di Torino, Giovanni Saccani.

Un SalTo tra le pagine

Il Salone Internazionale del Libro di Torino (10-14 maggio) è un appuntamento ormai tradizionale per gli amanti della lettura. Realizzato con il sostegno di numerosi enti e istituzioni, il progetto è sviluppato e promosso dalla Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura. Partecipare al Salone del libro di Torno è un’occasione imperdibile per gli editori italiani che si rivolgono al mondo. Sia editori indipendenti che grandi gruppi animeranno cinque giorni di incontri cui parteciperanno anche scienziati, artisti, premi Nobel e Pultizer e altri autorevoli rappresentanti del mondo della cultura e della cultura nel mondo, per parlare di futuro. L’edizione 2018 del Salone si propone come “produttore di contenuti culturali” e ha per tema nella sua edizione numero 31 “Un giorno tutto questo”. Questo secondo l’idea del Presidente Massimo Bray e del Direttore Nicola Lagioia.

Ai partecipanti più autorevoli sono state poste cinque domande “sulla contemporaneità, cinque domande fondamentali per il tempo che ci aspetta.” Le domande, elaborate dal comitato editoriale del Salone, sono:

  1. Chi voglio essere? La nostra identità è in continua costruzione. Nell’epoca del culto di sé, chi aspiriamo a essere? Che rapporto c’è oggi tra l’essere se stessi, il conoscere se stessi e il diventare se stessi?
  1. Perché mi serve un nemico? I confini ci proteggono oppure ci impediscono di incontrarci e cooperare? Come e perché li tracciamo? Abbiamo bisogno di costruirci un nemico per poter sperare di non averne?
  1. A chi appartiene il mondo? Tra cent’anni la nostra Terra potrebbe essere meno accogliente di oggi. La forbice tra ricchi e poveri si allarga. Il lavoro si trasforma e può ridursi. Milioni di persone sono costrette a lasciare la propria casa. Di chi è il mondo? Chi deve prendersene cura?
  1. Dove mi portano spiritualità e scienza? Scienza e religione hanno dato forma alla nostra storia e al nostro pensiero. Ma sono state usate anche come strumenti di oppressione. C’è oggi una promessa di cambiamento e di futuro nella spiritualità delle religioni, nel rigore nelle scienze? O altrove?
  1. Che cosa voglio dall’arte: libertà o rivoluzione? La creazione artistica può bastare a se stessa? O deve porsi l’obiettivo di cambiare le cose? Libertà o rivoluzione: cos’è l’arte, e che cosa deve e può dare a tutti noi?

Le risposte sono già in parte arrivate e vengono diffuse in varie forme, testuali, video, audio. Continueranno a essere diffuse anche durante i giorni del Salone.

La Dante al Salone del Libro

Giovedì 10 maggio, alle 11, troverete la Dante nello Spazio Autori del Salone del Libro. Alessandro Masi Segretario Generale della Società Dante Alighieri, parlerà del suo ultimo libro Idealismo e opportunismo della cultura italiana. 1943 – 1948, intervistato dal presidente della Società Dante Alighieri – Comitato di Torino, Giovanni Saccani.

Anche quest’anno, come da tradizione, la Dante porta la sua voce al grande evento che si svolge da 31 edizioni nel Lingotto Fiere. Questa edizione del Salone guarda al futuro con il titolo “Un giorno tutto questo”.

Il saggio di Masi, che guarda al rapporto tra intellettuali e politica nell’Italia del dopoguerra, è un’ideale intervista ai principali esponenti dell’ambiente culturale italiano nei 5 anni tra la fine della Seconda Guerra Mondiale e l’inizio della Repubblica.

Scrive Andrea Riccardi nella prefazione: «Il libro di Alessandro Masi tratta di soli cinque anni, ma è un periodo che rappresenta un passaggio importante, vivace e affascinante per l’Italia: la transizione dalla guerra alla democrazia repubblicana. Ed è anche un passaggio decisivo per quello che riguarda il rapporto tra arte, cultura e potere politico o, in senso più largo, tra cultura e politica»

L’incontro è promosso anche nel PROGRAMMA del Salone

Per informazioni: torino@ladante.it
https://www.facebook.com/ladantetorino

Ufficio Comunicazione, Stampa e Media
Comitato di Torino
Società Dante Alighieri
cell.3355445735

 

Immagine tratta dal sito del #SalTo18

Condividi su

Leggi articolo precedente

Leggi articolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

10 − 1 =