X canto del Paradiso – Lecturae Bergomensis

Pezzi d'Italia
Condividi su

Il comitato Dante di Bergamo promuove una lettura del X canto del Paradiso, nell’ambito delle consuete Lecturae Dantis.

Dante e Beatrice ascendono al Cielo del Sole, lasciando i precedenti Cieli nei quali i beati erano limitati dall’influsso degli Astri che li governano. Il X canto rappresenta l’ingresso nel Paradiso vero e proprio, con un innalzamento anche materiale nonché dello stile e della forbitezza della lingua. Il lettore è apostrofato da Dante che lo invita a contemplare il Cielo nella perfezione del meccanismo dell’Universo. Il canto accenna alla misura del tempo, attraverso i passaggi del Sole, nella scansione temporale dei doveri spirituali. Si preannuncia nel canto anche l’indescrivibile bellezza che tanta parte avrà nella Cantica e sarà proposta come ineffabile per le parole dell’uomo, vista la perfezione della materia.

I beati che appaiono a circondare il poeta e la sua guida ruotano intorno a loro come il disco solare. Dopo il ringraziamento a Dio e la corona degli spiriti beati, compare S. Tommaso con gli altri undici beati della prima corona e si assiste al canto e danza delle anime.

Commento a cura di  Carla Caselli

Lettore: Bruno Pizzi

Leggi anche la Sinossi del X canto a cura di Aldo Onorati. Onorati ha scritto le sinossi di tutti i cento canti del progetto In viaggio con Dante, pubblicandole poi in forma unitaria nel libro Canto per Canto. Manuale dantesco per tutti, disponibile nel negozio on line del sito ladante.it

 

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

10 + sedici =