fbpx

Geocultura. Annuario della Società Dante Alighieri

di Valeria Noli | Chiose
Condividi su

«La cultura non è una materia inerte, ma ciò su cui si basa la convivenza sociale perché comunicare significa mettere in comune». Il Presidente della Società Dante Alighieri Andrea Riccardi introduce il volume Geocultura, prospettive, strumenti, strategie per un mondo in italiano parlando anche di una richiesta d’Italia che arriva da tutto il mondo.

Per rispondere a questa domanda, continua Riccardi, bisogna «fare rete con altri attori istituzionali e con l’impresa, aggregare in forme concrete l’interesse che il mondo dedica all’Italia, rispondere a questo interesse of­frendo occasioni per conoscerla meglio, visitarla, gustarne i prodotti o i colori della sua arte.»

Prospettive, strumenti, metodologie

La pubblicazione si propone come uno “strumento di lavoro”, utile per promuovere l’italofonia nel mondo. Contiene, infatti, diverse schede di approfondimento tematico e geografico affidate a prestigiosi contributori.

Si struttura su un’idea di dialogo e collaborazione, e raccoglie i contributi specialistici di Luca Serianni, Massimo Vedovelli, Paolo Balboni, Federico Masini, Michele Gazzola, Daniele Mazzacani, Lorenzo Tomasin e Danilo Capasso. Ci sono poi anche Michele Canonica, Arjan Kallço, Anna Jampol’skaja, Hussein Mahmoud, Gilles Kuitche Talé, Anthony Tamburri, Federico Guiglia, Valerio Cappozzo, che approfondiscono specifiche aree geografiche ricostruendo così una mappa della presenza dell’italiano nel mondo.

Sono riprodotti anche dati statistici sulle diverse attività della Dante. Consolidati (al 2016), sono riferiti sia al livello centrale che ai 500 centri della Rete Dante (comitati, centri certificatori, scuole di italiano e altre articolazioni territoriali). L’annuario, ideato da Alessandro Masi e curato da Valeria Noli, contiene anche una serie di mappe originali disegnate da Laura Canali, e che raffigurano la presenza della Dante.

Lo studio è  uno strumento per chi opera nella promozione della cultura e lingua italiane nel mondo. L’italiano è una lingua autorevole che «non misura la sua forza sulla dimensione della diffusione delle grandi lingue (cinese, spagnolo o arabo) o dell’inglese veicolare», non è autoritaria né egemonica. L’italiano attinge a un patrimonio di tradizioni umanistiche che ne fanno anche una “lingua di pace”.

Per ricevere Geocultura (annuario della Dante)

Per ricevere informazioni sulla pubblicazione si può scrivere a annuario@ladante.it o si può richiedere una copia del libro attraverso il “negozio on line” della Dante Alighieri nei due formati: cartaceo o pdf  

Il testo in formato .pdf sarà liberamente scaricabile dal sito www.ladante.it dopo il 30 aprile 2018


Scarica anche 

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

6 − 4 =