Il mondo in giallo e noir: un festival a Suzzara

di Andrea Ciarlariello | Ficcanaso
Condividi su

C’è un paese in provincia di Mantova che una volta l’anno, nel primo fine settimana di febbraio, si tinge di giallo. È Suzzara, poco più di ventimila abitanti a mezz’ora d’auto dal capoluogo, che propone dal 2007 il suo festival di letteratura di genere: il NebbiaGialla Suzzara Noir Festival.

È così che anche quest’anno, da venerdì 2 a domenica 4 febbraio, tutta la cittadina sarà in fermento per i molti incontri, laboratori e dibattiti che gli organizzatori, sotto la direzione artistica del giornalista e scrittore Paolo Roversi (che proprio a Suzzara è nato), proporranno al pubblico, per lo più addetti ai lavori, scrittori ed editori, nonché appassionati del genere giallo, che secondo i dati di vendita Amazon rappresenta oltre il 13% del mercato complessivo, superato soltanto dalla narrativa e dalla letteratura sul benessere della persona.

È questa comunità, di scrittori e lettori, che si appropria della cittadina, che nelle intenzioni dei promotori, Comune in testa, si propone per quei giorni “capitale italiana del noir”. Il punto di forza della rassegna è la prossimità: scrittori e lettori si frequentano per alcuni giorni, si studiano, dibattono. L’esperienza di arricchimento e crescita è così reciproca: i giallisti indagano gusti e preferenze e si confrontano con colleghi italiani ed esteri; il pubblico ha l’occasione di incontrare i propri autori preferiti, conoscere i retroscena, le tecniche e le ispirazioni che stanno dietro i romanzi gialli.

Ancora il pubblico sancirà il vincitore del “Premio Nebbiagialla per letteratura noir e poliziesca” il riconoscimento assegnato ogni anno da una giuria popolare all’autore che risulterà più apprezzato.

Partecipare al NebbiaGialla infine, è un modo per conoscere un territorio, la Bassa; un aspetto che gli organizzatori non sottovalutano, sperando di poter così far conoscere le peculiarità paesaggistiche (anche il paesaggio nebbioso da cui prende il nome la rassegna!) ed enogastronomiche guardando allo sviluppo di un turismo ‘lento’ ma non privo di colpi di scena.

Scopri tutti gli autori che saranno presentipoliziesco

Condividi su

Leggi articolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno × uno =